Pane di Kamut con pasta madre

pane-ricetta

Qualche giorno fa sono stata al Sigep di Rimini, la più importante fiera di pasticceria. Beh sono rimasta davvero estasiata dalla zona dedicata alle farine e al pane. Ho seguito parecchi corsi sul lievito madre e cosa potevo fare appena tornata a casa se non infornare un pane morbidissimo?

Ho utilizzato la pentola per il pane di Emile Henry per preparare il pane in cassetta. Avevo la pentola da un po’ di tempo, ma non avevo ancora avuto modo di provarla davvero, beh ammetto che è davvero strepitosa! La ceramica refrattaria, unita ai fori del coperchio, permettono di ottenere un pane bello croccante fuori e morbido dentro. Direi che i miei esperimenti di panificazione non si fermeranno qui, ho appena iniziato!

Ho utilizzato una farina di frumento Khorasan a marchio Kamut di Molino Grassi, una farina che per me è davvero facilmente digeribile e leggera. Ho diviso il pane a fette e l’ho surgelato, ogni mattina ne mangio una fetta con una marmellata senza zuccheri aggiunti, è una colazione perfetta!

Processed with VSCO with s2 preset

Pane di Kamut con pasta madre

500g di farina
335ml di acqua
12g di sale
150g di pasta madre
1/2 cucchiaino di malto (o miele)
20ml di olio d’oliva

Nella ciotola dell’impastatrice spezzettate la pasta madre in acqua e malto. Accendete l’impastatrice e fatela andare a bassa velocità per un paio di minuti. Poi unite la farina e l’olio, continuando sempre a mescolare. Aggiungete anche il sale continuate a impastare fino a incordatura (cioè quando l’impasto inizierà a staccarsi dalle pareti della ciotola), ci vorranno circa 10 minuti.
Trasferite l’impasto su un piano di lavoro infarinato. Schiacciate l’impasto, ripiegatelo in tre dal lato lungo e poi ancora in tre dal lato corto. Ripiegate l’impasto su se stesso per 4 volte a intervalli di 40 minuti e mettetelo in una ciotola unta di olio. Lasciatelo riposare in frigo per almeno 18 ore.
Il giorno dopo tirate fuori l’impasto e fategli raggiungere la temperatura ambiente.
Stendetelo delicatamente sulla teglia e lasciatelo lievitare per 4 ore. Prima di infornare fate dei tagli in diagonale con un coltello (se avete una lametta è meglio). Infornate con il coperchio a 240°C per 20 minuti, poi si abbassa a 200 gradi x mezz’ora e poi 10 minuti a 180 con cottura a spiffero che vuol dire tenere il forno leggermente aperto si può anche mettere un cucchiaio di legno x tenere aperto il forno.

Tiratelo fuori dalla pentola, mettetelo su una griglia e fatelo raffreddare in verticale. .

Processed with VSCO with s2 preset

image_pdfimage_print

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>